L'ITTERO

L'alimentazione disordinata di un tempo, poco varia e ricca di grassi, poteva intaccare il fegato e provocare l'itterizia, conosciuta come "lù fèl' spars' ".
Contro l'ittero si faceva urinare il malato, per nove mattine, al levar del sole, su un arbusto che cresce spontaneo nelle nostre valli "gliù tass' bardass' ", recitando un'orazione di rito:

"Tàss' bardass',
qua t' pìsc' i qua te lass';
tu r'damm' i miei colori
ì t' r'dò i tuoi giallori".

Il povero arbusto ingialliva, ma non è dato di sapere se il paziente riprendesse veramente i colori.