I giochi

Come erano semplici i giochi al tempo dei nonni! Si impegnavano come fosse un lavoro e si divertivano con i bottoni, che di nascosto della mamma strappavano dai vestiti o che trovavano fra i cestini di lavoro delle loro nonne.Si giocava a "zict in colla", che era una rudimentale altalena; e che dire della "p'zzarda", la trottola in termine esatto, si giocava a nascondino, a guerra francese e ricordiamo la frase finale:
"Tana liberi tutti" Ma che dire poi della nenia:
"Mazza bum bum    
quante corna stanno quassù?    
Se tu dicevi quattro........ ecc."

Si giocava a "Iatta ceca", a "bòca" e poi famoso era "a cavagl' long" a "batt mur"; nel dopoguerra, con l'avvento delle figurine Panini si giocava a figurine, mentre le bambine giocavano a breccia, a campana, a corda, a cerchietti, alla bambola!Erano tutti contenti perché il poco è molto per chi non ha che il poco e poi in ogni caso erano sempre i bambini ad essere il fulcro del gioco.