I PROVERBI DI GIUGNO

  • Ogn' trist' caglina a Sant' Antonio fà gl'uov'!
  • P' San Vit' gliù merl' becca mogl' i marit'!
  • P' San Paulin' ogn' ceras' t'è gl'inquilin'!
  • Vigilia di San Giovanni: Sera dei falò. Si usava racogliere i fiori gialli dell'erba di S.Giovanni e immergerli in un catino pieno d'acqua. Dopo il tramonto e per tutta la notte, il catino veniva lasciato fuori ("alla serena"), la mattina seguente, prima che sorgesse il sole, ci si lavava con l'acqua perché pare che avesse effetti benefici.

Altra usanza, prettamente ripana, era quella di mettere e lasciare per tutta la notte, una foglia di fico sul davanzale, se la mattina si trovava intatta, non accartocciata, era un presagio di lunga vita, altrimenti entro l'anno....c'era da preoccuparsi!

  • Alla vigilia d' San Giuvann' chiov' tutt' gl'ann'!
  • San Giovanni: notte di sortilegi, detta anche notte delle streghe.    
  • P' San Giuvann' s' monn'n cipoll' i agl'!  
  • A San Pietr', gliù villan' t'è la facia man'!      
  • Giugn' senza vient'     raccot' a salvament'!  
  • D' giugn' ceras' i lecine!
Il saggio diceva:
  • Alon' a curt', acqua allongh'    
    alon' allongh' acqua a curt'!        
    (Alon': è l'alone che si forma intorno alla luna; l'alone piccolo porta bel tempo, l'alone ampio porta pioggia.)        
  • Tiemp' d' car'stia    
    pan' d' veccia!  
  • Pov'ra chella pecora ch' n'appò la lana!    
  • Cu gliù tignus' magn'c', b've'c i n' c' durmì!  
  • N' so' p' gl'as'n gl' cunfiett'!        
  • La caglina ha fatt' gl'uov' i a gliù vagl' c' n'cenn' gliù cur'!